Zafferano, oro abruzzese nel piatto





L’area di produzione dello zafferano dell’Aquila DOP comprende un territorio della provincia del capoluogo abruzzese nel quale si inseriscono 13 comuni. La coltivazione del Crocus Sativum avviene su terreni che raggiungono i 1.000 metri di altitudine toccando le pendici del Gran Sasso presso il comune di Barisciano. Le sue origini risalgono ad epoca antica, così come il suo arrivo in Italia dove, dal XV secolo, colora i campi di coltivazione e profuma ogni piatto conferendo una piacevole nota aromatica.LA TRADIZIONEQuella dello zafferano è una storia lunga e ricca di fascino. Presente nei testi di papiri egizi risalenti al II secolo a.C., è nominato persino nella Bibbia

Per leggere il resto dell’articolo devi collegarti direttamente sul sito della fonte:









Continua

Pubblicato il: 21 Maggio 2019

Potrebbero interessarti anche »

Lascia un commento »