Chernobyl, 5 cose da sapere sulla serie tv dedicata al disastro





1. I fattiAll’incirca alla 1.23 del 26 aprile 1986 nel reattore numero 4 della centrale nucleare posta a 3 chilometri dalla cittadina di Prypjat e a 18 da Chernobyl, in Ucraina (allora sotto il controllo dell’Unione Sovietica) avviene una grandissima esplosione generata da un aumento incontrollato della temperatura interna alla struttura, diffondendo una radioattività pari a 400 volte la bomba di Hiroshima.Fra gli operatori della centrale sono stati 30 i morti nei mesi immediatamente successivi, con un impatto totale che va dai 4mila ai 90mila morti e un’onda radioattiva che si è sparsa in tutta Europa, con zone dell’Est che sono contaminate e contingentate a tutt’oggi.La serie si concentra su questi fatti e in particolare sul fisico nucleare Valery Legasov, il quale lavora all’interno del governo sovietico per cercare di gestire le conseguenze dalla crisi e salvare il paese da ripercussioni. È stato storicamente dimostrato che le cause principali del disastro vanno cercate nella responsabilità dell’uomo, con test di sicurezza falsati, provvedimenti al risparmio che hanno rinunciato alle misure di sicurezza e anche ripetutiti tentativi di insabbiare le colpe e gli errori commessi in svariati frangenti.2.

Per leggere il resto dell’articolo devi collegarti direttamente sul sito della fonte:









Continua

Pubblicato il: 12 Giugno 2019

Lascia un commento »