Chef Rubio lancia il “Pasto Sospeso” anche in Medio Oriente





Chef Rubio lancia il ’Pasto Sospeso’ anche in Medio Oriente: guest all’inaugurazione del ristorante italiano Piadèra a Dubai, propone per ogni piadina un pasto in dono agli immigrati dei Labour Camp ROMA – Chef Rubio lancia il “Pasto Sospeso” per i Labour Camp di Dubai. L’occasione è l’inaugurazione del primo ristorante della catena Piadèra, guidato da Matteo Bianchi col supporto di una cordata di investitori italiani, che apre il 2 marzo nella città degli Emirati Arabi. A Chef Rubio il compito di tenere a battesimo il locale 100% made in Italy. Funziona così: il giorno dell’inaugurazione l’intero incasso delle consumazioni sarà reinvestito per preparare e consegnare i pasti ai lavoratori, provenienti prevalentemente dai Paesi asiatici e impiegati nel settore delle costruzioni, nei cosiddetti campi di lavoro di Dubai. Dai giorni successivi, come vuole la tradizione di solidarietà tutta italiana del ‘caffè sospeso napoletano’, per ogni pasto consumato si può lasciare un’offerta volontaria per chi invece non può permetterselo. Così, a fine giornata la raccolta delle donazioni e il cibo in eccedenza viene devoluto e recapitato nei Labour Camps direttamente dal personale di Piadèra, con successive rendicontazioni periodiche del raccolto.

Per leggere il resto dell’articolo devi collegarti direttamente sul sito della fonte:









Continua

Pubblicato il: 26 Febbraio 2017

Potrebbero interessarti anche»